Titoli

Oceano

Share: Facebook / Twitter

Il singolare è d’obbligo: Oceano, unico grande mare che ricopre oltre il settanta per cento del pianeta. «Bisognerebbe chiamare la Terra Oceano, perché tutte le masse terrestri sono isole» suggerisce l’icona dell’oceanografia Sylvia Earle. Questo invito a cambiare sistema cosmologico, a essere meno terracentrici, si accompagna alla necessità di una conversione etica che miri all’empatia e a una visione del mondo meno antropocentrica. Spesso parlando di allevamenti intensivi si dice che «se vedessimo come vivono e muoiono gli animali» non li consumeremmo più. È meno comune che questi ragionamenti vengano estesi agli abitanti dei mari, nemmeno ipoteticamente, perché ciò che è sotto la superficie e per di più a centinaia o migliaia di chilometri dalla terraferma è molto più difficile da vedere. Per questo è ancor più importante parlarne, in termini sia scientifici che narrativi, e invitare alla riflessione, come fanno i migliori divulgatori quando ci spiegano che la conoscenza scientifica, per esempio sugli effetti devastanti dello sterminio della fauna selvatica oceanica, c’è già, ma non è ancora stata interiorizzata. Manca l’empatia quindi, quella facoltà che a torto consideriamo solo umana, quando nei cetacei, come indica lo studio della loro biologia e dei loro comportamenti, potrebbe essere ancora più sviluppata. Rimediare a questa «cecità al mare» non significa solo interessarsi alla salute degli oceani, così fondamentale per il regolamento del nostro clima, ma includere nella narrazione – o portare a galla, l’acqua è il simbolo per eccellenza dell’inconscio – tante storie invisibili: dalle vite dei lavoratori offshore sulle piattaforme petrolifere, alla riservatissima industria del trasporto marittimo, fino ai pescatori di frodo, disposti a sfidare iceberg, tempeste e mesi di fughe dagli ambientalisti pur di non abbandonare il loro prezioso carico. Bisogna cambiare rotta, e se lo dice un capitano esperto come Giovanni Soldini, non possiamo che seguirlo.


Pagine: 192

ISBN: 9788870919325

Prezzo: 19,50 €

Uscita: giugno 2022

Fotografie: Simon Ager, Federico Scopinich, Julie Stephenson, Andrew Testa, Marie von Krogh

Autori: Eskil Engdal, Kerstin Forsberg, Rose George, Richard Hamblyn, Philip Hoare, Tabitha Lasley, Valentina Pigmei, Antonello Provenzale, Kjetil Sæter, Giovanni Soldini, Simon Winchester

Collaboratori: Ambrogio Beccaria, Björn Larsson

Illustrazioni: Edoardo Massa

Sommario

Oceanografia

Un’educazione oceanica

— Kerstin Forsberg

La biologa marina Kerstin Forsberg a colloquio con «Sua profondità» Sylvia Earle, l’oceanografa più famosa del mondo, pioniera e icona dell’esplorazione oceanica.

Onda su onda

Dove ci sono le onde troverete storie

— Richard Hamblyn

Le onde hanno l’abitudine di sfuggire all’osservazione, confondendosi una con l’altra, dal momento in cui il vento comincia a soffiare in mezzo al mare a quando si infrangono sulla riva. Ma questo non ha mai impedito agli esseri umani di scrutare il loro infinito movimento e cercare di capirne e anticiparne il comportamento, per proteggersi, per solcarle – e per cavalcarle in piedi su una tavola.

Rotte marittime

Il novanta per cento di tutto

— Rose George

Quanti dei nostri vestiti, beni e prodotti alimentari arrivano via mare? A bordo di un’immensa nave portacontainer che attraversa il canale di Suez in rotta per Singapore, la giornalista Rose George scopre le meraviglie (e la noia) di un’industria tanto essenziale al funzionamento del nostro mondo quanto invisibile – almeno finché non capita un incidente.

Arrembaggi

Caccia alla «Thunder»

— Eskil Engdal e Kjetil Sæter

È stato l’inseguimento più lungo nella storia marinaresca. Per il comandante Peter Hammarstedt è stata anche una caccia alla verità e a uno dei principali pescherecci di frodo. E una corsa per preservare la salute dei nostri oceani.

Cetacei

Il mare dentro

— Philip Hoare

Insieme a un grande esperto e amante di balene, ci tuffiamo nelle acque delle Azzorre per osservare da vicino questi maestosi animali, da sempre il simbolo più potente del nostro rapporto con l’oceano. E più le conosciamo più diventa difficile giustificare il modo in cui le abbiamo trattate nel corso dei secoli.

Economia

Acque profonde

— Tabitha Lasley

Amore, separazioni e altri disastri nell’industria petrolifera offshore, un lavoro sporco e pericoloso ma anche l’ultima occasione che un operaio ha per guadagnare più della media.

Testimonianze

Il navigatore e lo scienziato

— Antonello Provenzale e Giovanni Soldini

Di cosa parlano, quando si incontrano, un grande velista e un ricercatore di geoscienze? Come cambia il punto di vista su correnti, plancton e ghiacci tra chi il mare lo solca e chi lo studia? Il racconto di alcuni dei fenomeni più affascinanti dell’oceano fatto da due voci che in comune hanno un grande istinto di protezione nei confronti di questo ecosistema.

Gente di mare

I vagabondi del mare

— Valentina Pigmei

Se proviamo a farci un’immagine di quelli che hanno deciso di passare la propria vita in mare, probabilmente penseremo a personaggi fantastici (e ricchissimi), avventurieri dalle esistenze strabilianti. Eppure, il «popolo del mare» è composto perlopiù di persone normalissime, che si accontentano di poco, spinte da un grande amore per l’oceano.

Polinesia

Il richiamo della corrente

— Simon Winchester

Il Pacifico è una distesa infinita di oceano, puntellata da isole lontanissime le une dalle altre. Eppure qualcuno le ha colonizzate. Dopo aver negato per secoli che le popolazioni locali potessero aver compiuto una tale impresa, davanti all’evidenza di un viaggio intrapreso su una canoa tradizionale, gli occidentali si sono convinti che i polinesiani fossero esperti navigatori.

Fotografia

Prospekt photo

Il progetto fotografico è composto da più voci, quelle di Simon Ager, Federico Scopinich, Julie Stephenson, Andrew Testa, Marie von Krogh.